CONVERSATION

Mandy

issue #23: Slow living

Il Diario di Mandy di Paper of the Past, la quale colleziona scrapbook stravaganti e storici realizzati da altre persone tra il 1840 e il 1940. Benvenuti in Caleido, diario d’ispirazione che contiene molte storie: di persone creative, di tendenze, di viaggi, di oggetti. / Leggi qui l’Editor’s letter

Diario di: @paperofthepast

Mandy
@paperofthepast
Mandy
@paperofthepast
Mandy
@paperofthepast
1. il tuo lavoro si basa sul raccogliere album di ritagli realizzati da altre persone tra il 1840 e il 1940 e condivide le loro storie online. da dove nasce questa idea? c’è stato un materiale particolare che ha sancito l’inizio di questa raccolta?

Da adolescente collezionavo vecchie cartoline con interessanti messaggi scritti a mano. Mi piaceva leggere centinaia di cartoline alla ricerca di voci che si distinguessero nel tempo. In seguito, ho scoperto gli album vintage pieni di storie e cartoline. Aggiungendo un po’ di passione e un po’ di tempo in più, ora ho più di 500 album di ritagli e una fiorente comunità online dove tutti noi possiamo goderci questi libri insieme.

Mandy
@paperofthepast
Mandy
@paperofthepast
Mandy
@paperofthepast
2. l’idea di dedicare un numero al tema “vita lenta” mi è venuta ascoltando il podcast su spotify “carla” (in italiano), che racconta il diario di una donna del xx secolo, carla, ritrovato dalla nipote. racconta uno spaccato di storia attraverso la vita di una donna comune. c’è una storia in particolare, tra quelle contenute negli oltre 500 album, a cui ti sei affezionata? li hai letti tutti?

Uno dei miei album preferiti contiene lettere scritte alla fine degli anni ’40 da una donna in Lussemburgo a un uomo negli Stati Uniti. I due erano legati dagli eventi della Seconda Guerra Mondiale e sono diventati “pen friend” per tutta la vita, ma forse non si sono mai incontrati nella vita reale. Bill, il destinatario delle lettere, incollò le buste in ordine cronologico sulle pagine di un album che conservò per tutta la vita. La maggior parte delle lettere è stata scritta tra il 1946 e il 1951, ma sul retro del libro sono nascoste due lettere scritte negli anni Settanta.

Ho acquistato il libro online sperando che si trattasse di una storia d’amore romantica, ma ho scoperto che era più ricco di sfumature. Invece di una storia d’amore fugace, rappresenta la serendipità e il calore dell’amicizia di fronte alla guerra. Il libro è così importante per me che ho viaggiato a Città del Lussemburgo con alcune delle sue lettere e ho ripercorso le tappe della sua vita quotidiana. Penso a quelle lettere almeno una volta alla settimana.

Mandy
@paperofthepast
Mandy
@paperofthepast
Mandy
@paperofthepast
3. una delle mie più grandi passioni è visitare vecchie case, sognando di acquistarle. in una delle mie ultime visite, ho trovato interi bauli pieni di lettere, abbandonate da decenni. quali emozioni provoca sfogliare questi tesori che condensano vite e storie in un “bel formato”? qual il valore di avere un archivio?

Sono gelosa della tua scoperta perché il mio sogno d’infanzia era trovare una capsula del tempo in una casa vittoriana abbandonata. Sogno ancora di trovare album in soffitte e muri, ma non l’ho mai fatto nella vita reale.

Questi tesori sono dolce-amari, ma mi concentro sullo sforzo che li ha fatti e non sul passare del tempo. Gli album che colleziono mostrano la creatività, la giocosità e la personalità unica delle persone che li hanno realizzati. A volte mi fanno sentire triste, ma per lo più mi sento ispirata e felice quando li sfoglio.

Mandy
@paperofthepast
Mandy
@paperofthepast
4. con l’avvento del digitale, mi chiedo se e quali tracce fisiche rimarranno del tempo presente nel futuro… non stampiamo più foto, non scriviamo più lettere, non inviamo più cartoline, non conserviamo più souvenir in scatole di latta… ci hai mai pensato?

A volte mi preoccupo di questo, ma poi vado su Instagram e vedo migliaia di persone che mantengono in vita queste pratiche. Quindi, la quantità attuale è molto più bassa rispetto alle epoche precedenti, ma la qualità è alta. O, per dirla in altro modo, ci sono persone che lottano contro questa perdita e il loro lavoro sarà apprezzato in futuro. Spero che le pagine che condivido online ispirino le persone per realizzare altri album e diari.

Mandy
@paperofthepast
5. hai mai trovato un discendente del proprietario originale di uno dei diari che raccogli?

Una volta ho trovato un vecchio post su un forum scritto da una persona che cercava un album di famiglia perduto da tempo, realizzato nel 1901. Non avevano mai visto il libro di persona, ma avevano trovato prove della sua esistenza e della sua vendita all’asta avvenuta 10 anni prima. L’album era passato di mano in mano e di paese in paese più volte nel corso della sua lunga vita. Sorprendentemente per me, avevo appena comprato l’album e lo tenevo proprio accanto a me. Sono diventata amica di questa persona tramite e-mail e alla fine le ho venduto il libro.

Mandy
@paperofthepast
Mandy
@paperofthepast
Mandy
@paperofthepast
6. In Caleido abbiamo creato una collezione di Diari e Cartoline, illustrata dall’artista Matteo Giuntini. Tu hai un diario? Cosa ci scrivi? Con quale regolarità lo scrivi?

Adoro i bei diari e le cartoline di questo tipo. Ho uno scaffale di cartoline rotanti nel mio ufficio perché sono appassionata di cartoline vecchie e nuove.

Per i miei diari uso una combinazione di formati cartacei e digitali. Ho un bel diario che uso per le Pagine del mattino, come descritto nel libro di Julia Cameron, The Artist’s Way (tre pagine scritte a mano come prima cosa al mattino). Ho un file di Microsoft Word che scrivo dal 2012 (devo ridere di me stessa perché è soprattutto per le lamentele, le preoccupazioni e i problemi). Poi uso un programma gratuito chiamato Obsidian per tenere traccia delle idee e delle note di lettura durante la giornata. Ho anche un diario simile a un album fatto in un Moleskin Sketchbook A3 che arricchisco periodicamente.

Mandy
Mandy
@paperofthepast
Mandy
@paperofthepast
7. sono un divoratore seriale dei suoi post… passerei giorni interi a cercare di leggere ogni lettera. c’è un luogo fisico dove esporli? hai mai pensato di organizzare una mostra? ti piacerebbe visitare con me il “piccolo museo del diario” ad arezzo (italia)?

Grazie! Il “Museo del piccolo diario” sembra fantastico, mi piacerebbe visitarlo un giorno. Non ho mai esposto la mia collezione, ma sembra una buona idea.

Mandy
@paperofthepast
8. come si recuperano questi materiali? da dove provengono?

La maggior parte della mia collezione proviene da eBay. Ho creato oltre 120 ricerche salvate e le controllo ogni giorno sull’app. A volte trovo quattro libri in una volta sola, altre volte passo sei mesi senza acquistare nulla.

Per ogni 100 scrapbook che vedo in vendita, solo alcuni hanno la scintilla che sto cercando. Il processo è per il 97% deludente (quando non trovo nulla o vengo spesso superata) e per il 3% entusiasmante. Tuttavia, guardo ogni giorno con pazienza e mi chiedo quale sarà il prossimo tesoro che troverò.

Mandy
@paperofthepast
9. oltre a parlare di persone, i diari della sua collezione parlano spesso di costumi, moda, case… ci sono reperti in questo senso che ti hanno particolarmente colpito?

Due grandi sorprese sono state una maschera di Halloween fatta in casa trovata in un album degli anni Venti e un reggiseno trovato in un album degli anni Trenta. Mi piace vedere negli album di ritagli cose che non ho mai visto prima.

Mandy
@paperofthepast
Mandy
@paperofthepast
10. qual è un oggetto della tua casa a cui non rinuncereste mai? qual è il ricordo legato ad esso? ci mandi una foto scattata da te?

È una scelta difficile, perché ho molti oggetti sentimentali e molti album storici tra cui scegliere. Ma se escludo gli album fatti da altre persone, allora sceglierei il mio album. L’ho iniziato nel gennaio del 2020 (non sapendo che sarebbe diventato uno scrapbook sulla pandemia). È il mio primo album e ha ancora alcune pagine vuote che ogni tanto aggiungo. Si ispira alle idee che ho visto nei libri degli anni ’20 e ’30.

Mandy
@paperofthepast

No products in the cart.