CONVERSATION

Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre

L’intervista di Caleido a Calvin Royal III, Principal Dancer all’American Ballet Theatre, è la cover story della Issue #14, intitolata: Disciplina creativa. Benvenuti in Caleido, diario d’ispirazione che contiene molte storie: di persone creative, di tendenze, di viaggi, di oggetti. / Leggi qui l’Editor’s letter

Diario di: @calvinroyaliii

Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre
© ph Quinn Wharton
1. Lei è oggi il Principal Dancer all’American Ballet Theatre. In un mondo in così complesso cambiamento, crede che anche la danza classica stia vivendo una qualche evoluzione? Se sì, quale? Oppure, viceversa, è proprio grazie alla sua a-temporalità che è una forma d’arte eternamente interessante? 

Credo che la danza e in particolare il balletto si stia evolvendo anche se magari per un occhio esterno potrebbe non sembrare così. Da un punto di vista puramente fisico, i danzatori di oggi hanno la capacità di fare molto di più rispetto alle generazioni passate. C’è un atletismo in quello che facciamo, ma allo stesso tempo l’esecuzione deve essere fatta con grazia e leggiadria. Per fortuna le condizioni sono migliorate: pensiamo ai pavimenti molleggiati negli studi di allenamento e sui palcoscenici, che permettono ai danzatori di librarsi più in alto che mai. Cose come queste non esistevano centinaia di anni fa. Penso inoltre che avere accesso al cross training e alla terapia fisica ci aiuti ad essere più in sintonia con il nostro corpo e a prevenire gli infortuni.

Ho lavorato e imparato a conoscere coreografi di diversa provenienza che hanno creato nuove narrazioni di danza che ispirano e sfidano le norme culturali e sociali: penso che sia anche un passo in avanti per questa forma d’arte.

Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre
@calvinroyaliii
2. Oltre ad essere “eterna”, la danza parla un linguaggio universale… Basti pensare ad opere somme come “Il Lago dei Cigni”, conosciute da tutte le generazioni e ad ogni latitudine. Qual è un episodio, accaduto durante la sua carriera, che alberga nel suo cuore e che parla di questa universalità?

Direi che è il periodo che sto vivendo ora! Attualmente sono a New York a prepararmi per questo momento eccezionale in cui, durante questa stagione, debutterò in tre grandi ruoli e tornerò sul palco del Metropolitan Opera House dopo due anni di chiusura a causa del Covid. Uno di questi ruoli è il Principe Sigfrido ne Il Lago dei Cigni. Il Lago dei Cigni è l’apice del balletto classico. Dalla tecnica richiesta per eseguire i passi, all’immaginario iconico del balletto nel suo complesso, alla potente musica di Tchaikovsky. Parte del processo è la capacità di soddisfare tutte le richieste tecniche per eseguire il balletto, ma ancora più importante per me è la sua interpretazione che, come in altri balletti, è molto più che fare passi a tempo di musica. Sono i momenti nel mezzo che sono avvincenti per me. I momenti che attirano il pubblico, e tirano le corde del cuore.

Le pressioni e le confusioni che il principe ne Il Lago dei Cigni sperimenta risuonano davvero con me nella mia vita. Le lotte su come è visto dagli altri rispetto a come vede sé stesso e come sta cercando di definire i suoi desideri e le sue necessità per il suo cammino. La capacità di scegliere la persona che ama e di decifrare ciò che è reale e ciò che è immaginario. Per me graffia la superficie dei temi universali a cui possiamo attingere, ed è significativo interpretare questi ruoli in linea con tutto ciò che ho in mente.

Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre
@calvinroyaliii
3. Nel settembre 2020 è diventato Principal Dancer (dopo 3 anni da solista): lei è il terzo danzatore nero ad ottenere questa nomina (dopo Desmon Richardson e Misty Copeland). Oltre all’aspetto professionale, come ha vissuto dal punto di vista personale questo traguardo? Che pensieri ha fatto quando ha appreso la notizia? Se dovesse appuntarli in una pagina di diario per i posteri, quali scriverebbe? Come può una forma d’arte così universale, essere altrettanto poco inclusiva?

Ero entusiasta! Era una buona notizia che è giunta in un momento molto difficile, confuso e incerto nel mezzo della pandemia, ma ero a dir poco euforico. Ricordo che, quando la notizia è stata annunciata, ho ricevuto messaggi da bambini, dalla mia famiglia e da persone di tutto il mondo che dicevano che vedermi li aveva aiutati a vedere sé stessi. Mi è venuta la pelle d’oca leggendo quei messaggi. Era come se fosse scoppiata un’ondata di gioia e di possibilismo. Diventare un Principal Dancer è un processo di incessante crescita e scoperta.

Ho preso la mia prima lezione di danza classica quasi vent’anni fa. Avevo quattordici anni e mezzo ed ero una matricola nella mia scuola superiore di arti dello spettacolo in Florida. Con due mani sulla sbarra per la danza classica avevo un sacco di sfide fisiche ed emotive da superare. Sapevo solo che dovevo iniziare da qualche parte. Ho continuato a frequentare programmi estivi di formazione alla danza nei quali potevo imparare da altri insegnanti e danzatori della mia età. È proprio durante quei corsi che sono uscito dalla mia comfort zone per spingermi oltre quelli che pensavo fossero limiti che mi trattenevano.

Durante il mio terzo anno di liceo, la mia insegnante di danza classica portò un gruppo di noi al Youth America Grand Prix, una competizione per giovani danzatori che venivano da tutto il mondo per ottenere delle borse di studio, e grazie a quella competizione mi fu offerta una borsa di studio per trasferirmi a New York City e continuare i miei studi alla Jacqueline Kennedy Onassis School all’American Ballet Theatre.

A distanza di sedici anni sono passato dall’essere uno studente della scuola di balletto, a fare grandi salti nei vari stadi della compagnia, fino a raggiungere il centro della scena come Principal Dancer. Sono entusiasta di vivere questo momento storico per ABT, il mondo del balletto, e la possibilità di ispirare i giovani artisti a confermare che i loro sogni sono a portata di mano.

Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre
@calvinroyaliii
4. A proposito di Misty Copeland: è proprio con lei che ha posato nel Calendario Pirelli 2019, scattato da Albert Watson, interpretando la storia di riscatto della minoranza nera nel mondo della danza. Lungo il suo percorso di crescita (e di riscatto), ci sono state delle persone o delle “icone” che l’hanno ispirata? Quali? Perché proprio loro?

Sì, assolutamente! Fin dai miei primi giorni, mia madre e mia nonna sono state le mie più grandi icone d’ispirazione. Mia nonna ha spinto me e mio fratello ad esplorare qualsiasi cosa che integrasse la cultura e lo sport. Lo vedeva come un’opportunità di aprirsi le porte. Mia madre era il nostro punto di riferimento. Si è sempre assicurata che andassimo ovunque avessimo bisogno, e ci ha fatto sentire compresi e sostenuti. Sono stati il suo amore e la sua convinzione a farmi credere che avrei potuto fare qualsiasi cosa.

La mia prima insegnante di danza classica, la signora P., mi ha incoraggiato a continuare a provarci, anche quando pensavo non sarei riuscito a trovare la mia strada nella danza. Sapeva sempre la cosa giusta da dire in quei momenti cruciali, e mi ha aiutato ad abbracciare la mia vulnerabilità. La sua convinzione mi ha dato tanta forza.

E ricordo una delle mie più grandi benedizioni quando ho incontrato e danzato per l’icona della danza Arthur Mitchell. È stato il primo afroamericano a diventare Principal Dancer del New York City Ballet, e dopo l’assassinio del Dr. Martin Luther King Jr. nel 1969, ha lasciato il palcoscenico per fondare il Dance Theatre of Harlem, un paradiso per i danzatori di colore, per mostrare al mondo che anche loro potevano eccellere nel balletto classico. Prima che il signor Mitchell morisse, mi chiese di esibirmi alla sua cerimonia commemorativa ad Harlem. Il pezzo che ho ballato era AGON Pas De Deux, un ruolo creato su di lui da George Balanchine. Il solo fatto di essere nella stanza dedicata in suo onore è stato il momento più importante della mia vita di danzatore e di leader di questa forma d’arte. Ho capito quanto sia importante ricoprire un ruolo come quello. Sono stato ispirato a trovare, come lui, il modo di scolpire un percorso di opportunità per i giovani danzatori che sarebbero venuti dopo di me.

Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre
@calvinroyaliii
Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre
@calvinroyaliii
5. Della danza ho sempre considerato interessante la definizione di “disciplina creativa”, il che potrebbe sembrare a prima vista un ossimoro: in che modo una disciplina così codificata e basata sulla rigorosa esecuzione può essere creativa?

Non ci sono scorciatoie nel balletto. Penso che le comodità della vita, così come la conosciamo, creino una fame di gratificazione istantanea. Essere una persona creativa richiede invece disciplina e comprensione delle regole. La parte divertente per me è trovare il modo di espandere quelle regole, di portarle a nuova vita e nuove prospettive. In balletti come Il Lago dei Cigni e Romeo e Giulietta, per esempio, ho finalmente ottenuto questi ruoli “iconici” come Principal Dancer per guidare e costruire le mie interpretazioni. Portando le mie prospettive ai singoli ruoli, e onorando allo stesso tempo il lignaggio dei danzatori che hanno interpretato quegli stessi ruoli generazioni prima di me.

Film by: Quinn B. Wharton

6. Durante la recente pandemia, molti danzatori si sono avvicinati al mondo social e hanno creato divertenti video-performance, diventati virali. Qual è il suo personale rapporto con i social? Quali sono 3 profili che ha scoperto di recente e che dovremmo iniziare a seguire?

Penso che i social media siano uno strumento per connettersi, portare consapevolezza e creare. A volte può sembrare un po’ banale, ma ho sempre sperato di usare la mia piattaforma per il bene. Cerco di educare senza essere predicatorio, di ispirare condividendo cose che trovo stimolanti e di offrire prospettive a coloro che hanno scelto di seguirmi. Mi piace condividere frammenti di ciò che significa essere un danzatore professionista, e portare consapevolezza alle cause che sono importanti per me, come sostenere i rifugiati che fuggono dalla guerra in Ucraina, le organizzazioni che aiutano i giovani svantaggiati o sostenere il diritto di voto in America. Se potessi scegliere tre account IG che amo oggi, direi @leapofdanceacademy @thebigquiet e @earthfocus, sono i miei punti di riferimento per l’ispirazione, l’equilibrio e una fuga nella natura.

Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre
@calvinroyaliii
7. Oltre alla preparazione coreografica, quali sono gli altri step per preparare uno spettacolo (es. studio di un personaggio)?

Prima di imparare la coreografia, mi piace imparare e capire la storia. Se c’è un libro o un film della storia originale faccio tutte le ricerche possibili per conoscere il mondo in cui vive il personaggio e chi è nel profondo. Una volta che ho fatto la ricerca di base, posso finalmente entrare nello studio per iniziare a tradurre il dialogo o i tratti del personaggio nel linguaggio del corpo del personaggio attraverso la coreografia. Facendo scelte su come stanno in piedi. Come prendono contatto visivo con le altre persone in una scena. Sono più impulsivi o riservati. Come il personaggio si comporta con i superiori in una scena rispetto a come si comporta con il suo migliore amico o amante. E quando arriva il momento dello spettacolo, la parte migliore del viaggio è abbandonarsi al momento presente.

Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre

@calvinroyaliii

8. Per un danzatore, la musica è come l’aria. È un rapporto viscerale, imprescindibile. Giù dal palco o dalla sala prove, che musica le piace ascoltare? C’è una playlist su Spotify che dovremmo ascoltare?

Ho studiato pianoforte da bambino e mio marito è un pianista, quindi la musica è un mio grande amore! La mia sveglia è Arthur Rubinstein che suona il Concerto per pianoforte n.2 di Rachmaninoff. È la mia alba! Le mie playlist su Spotify vanno da Billy Joel e Stan Getz, a Road Trip degli anni ‘70 o Miracle Tones e Labrinth. In generale apprezzo uno stato d’animo più tranquillo quando si tratta di musica.

9. Tutti conosciamo la dimensione “pubblica” delle sue performance. In che forma si sviluppa invece il rapporto personale ed intimo con la danza? Ci sono dei momenti nei quali balla solo per sé stesso? Personificando la danza, che tipo di partner è?

Direi che il mio rapporto con la danza è un atto di equilibrio. È difficile separare le esperienze della vita da ciò che faccio nello studio o sul palcoscenico. A volte un ruolo richiede dramma e tocca argomenti molto delicati. Ci sono giorni in cui mi sento indulgente in un movimento perché ci è voluto tanto tempo per capirlo. Quando si connette voglio solo tenere duro e far durare il momento. Il mio rapporto con la danza è aperto e onesto con le possibilità e abbraccia le sfide quotidiane man mano che arrivano.

Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre
@calvinroyaliii
Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre
@calvinroyaliii
10. Qual è un oggetto della sua casa al quale non rinuncerebbe mai? qual è il ricordo legato ad esso? ci manda una foto scattata da lei?

Quando mi sono trasferito a NY stampavo le foto dalla mia macchina fotografica usa e getta e le appendevo al muro della mia camera da letto. Ora tutte quelle foto vivono in un album fotografico. Contiene tutti i ricordi degli ultimi vent’anni ed è una specie di manufatto personale. Ogni foto mi riporta a un luogo e a un tempo specifico. Un promemoria di questo viaggio selvaggio che ho fatto.

IMG_0975-2_low
Un’ultima cosa: per aggiornamenti sui prossimi spettacoli e per seguire meglio il viaggio di Calvin visitatelo su Instagram @calvinroyaliii e su www.calvinroyaliii.com
altri contenuti di questa issue:
Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre
Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre
Caleido intervista Calvin Royal III Principal dancer del prestigioso American Ballet Theatre

No products in the cart.